(IN) Netweek

MILANO

Abbiamo la maggior capacità  produttiva da fonti rinnovabili

Share

Secondo il rapporto sulle fonti rinnovabili, la Lombardia è la regione italiana con la maggiore capacità produttiva di energia da fonti rinnovabili e rappresenta da sola circa il 16% della potenza complessiva installata a livello nazionale. Tale primato le consente di essere anche la regione italiana con la maggiore produzione da fonti rinnovabili, nonostante non disponga, a causa delle sue caratteristiche geofisiche e climatiche, di risorse importanti come quelle eoliche o geotermiche ad alta temperatura. Nel 2016, grazie agli impianti installati in questi anni, sono stati prodotti 16.330 gigawattora, pari al 15,1% dei 108.022 gigawattora prodotti sul territorio nazionale. Se consideriamo anche l'energia termica, cioè quella che si usa direttamente senza che venga trasformata in energia elettrica, i dati dimostrano che la Lombardia è la regione con i più alti consumi derivati da pannelli solari termici. Per quanto riguarda i consumi diretti di biogas, la Lombardia raggiunge quasi un quarto dei consumi nazionali complessivi (24,3%). Seguono Lazio (11,1%), Veneto (10,4%), Emilia Romagna (9,8%) e Piemonte (8,2%).

«Sono dati interessanti - ha detto l'assessore regionale all'Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo - che dicono della capacità del nostro territorio di essere fortemente innovativo. La percentuale copertura con fonti rinnovabili del fabbisogno energetico complessivo, indica che la Lombardia ha già superato l'obiettivo che doveva raggiungere sia per il 2015, sia per il 2020, data di riferimento fissata dal Protocollo di Kyoto. Questo dato positivo non ci accontenta, ma pone davanti a noi nuove sfide rispetto alla produzione di energia da fonti rinnovabili incrementando soprattutto l'efficienza energetica per evitare sprechi e dispersioni, fattore che riguarda tutti settori economici, a partire da chi produce energia a chi produce beni e servizi».

Margini di miglioramento rilevanti sono attesi nel settore dei trasporti, dove si rende necessario agire per diminuire le emissioni in atmosfera e migliorare la qualità dell'aria che respiriamo. «La prospettiva di dover alzare ancora di più il livello dei nostri obiettivi - ha sottolineato ancora Cattaneo - aumenta le opportunità di sviluppo e ammodernamento per il nostro territorio. Per quanto riguarda l'efficienza energetica, il tessuto universitario e imprenditoriale lombardo, che ha dato più volte prova della propria capacità di innovazione, avrà l'opportunità di giocare una partita di primaria importanza per vincere la sfida della competitività a livello internazionale».

Leggi tutte le notizie su "IN EUROPA"
Edizione digitale

Autore:gmc

Pubblicato il: 27 Agosto 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.