(IN) Netweek

MILANO

Anno record per QC Terme Per Chamonix si cercano 40 nuovi collaboratori: inviateci i curriculum

Share

Anno record per QC Terme. Il gruppo guidato dai fratelli Andrea e Saverio Quadrio Curzio, leader in Italia nel creare esperienze di benessere nei suoi centri termali e wellness hotel, nel 2017, ha superato il milione di ingressi con un fatturato di 77 milioni di euro, arrivando ad occupare 700 persone. QC accanto ai tradizionali centri termali di Pré Saint Didier e Montebianco in Valle d'Aosta, Bagni Vecchi e Bagni Nuovi a Bormio, San Pellegrino, TermeRoma, TermeMilano e TermeTorino ha pure aggiunto le Terme Dolomiti in Val di Fassa. Senza dimenticare gli hotel di Pré Saint Didier, Bormio e Roma.

«In Val di Fassa, all'inizio dell'anno scorso, abbiamo realizzato una nuova e moderna struttura di 3.000 mq che sta andando a regime e quest'anno contiamo di raggiungere e superare 80 mila ingressi - esordisce Andrea Quadrio Curzio - Adesso siamo tutti concentrati sulla nuova sfida di Chamonix. Nel centro storico della suggestiva località francese, su un'area che abbiamo avuto in concessione per trent'anni, stiamo completando la realizzazione del nuovo centro benessere di 3.000 mq, una struttura ecocompatibile e molto simile a quella nelle Dolomiti di Fassa, che ha una vista mozzafiato sul Monte Bianco. Contiamo di aprire il centro per l'estate e pensiamo a regime di fare dai 150 ai 200 mila ingressi all'anno. Per noi si tratta della prima esperienza all'estero e sarà propedeutica anche al prossimo sbarco a New York».

L'arrivo nella Grande Mela sarà la sfida delle sfide.

«La città di New York ci ha dato in concessione una bellissima struttura di circa 8.000 mq nell'isola di Governors Island, situata di fronte alla City. Inizieremo i lavori a settembre e contiamo di terminarli alla fine del 2019. L'obiettivo è quello di fare dai 250 ai 300 mila ingressi all'anno con un organico iniziale di almeno 100 persone. Per noi è un investimento enorme, intorno ai 25 milioni, ma dovrebbe consentirci, assieme a Chamonix, di raddoppiare il fatturato dell'azienda entro il 2023. Si tratta di un'operazione per diversi aspetti molto complessa che vogliamo portare a termine nel migliore dei modi. Intanto a New York abbiamo aperto da un anno un ufficio, dove già lavorano un nostro architetto, un ingegnere e un avvocato per avviare tra pochi mesi il cantiere senza alcun intoppo».

Quello della Grande Mela è un investimento particolarmente rilevante e impegnativo, anche per un gruppo leader a livello nazionale come QC Terme.

«E' un investimento strategico, ma siamo fiduciosi grazie all'esperienza consolidata delle persone che sono entrate nel Consiglio di Amministrazione. Da qualche mese nella società è anche entrato un fondo di private equity con una consistente quota di minoranza, che ci ha permesso di capitalizzare l'azienda e azzerare i debiti. Il fondo è gestito da professionisti di grande capacità che ci dovrebbero aiutare nel processo di internazionalizzazione».

Alla fine del 2017, infatti, nel capitale della Map, la holding che controlla QC Terme, ha fatto il suo ingresso la White Bridge Investments che vede al suo interno persone che arrivano dal private equity, come l'ex ambasciatore Usa in Italia Ronald Spogli; tra gli investitori anche le famiglie Lunelli (Ferrari) e Mutti (pomodori), Marco Drago e Lorenzo Pelliccioli (De Agostini), Amedeo Clavarino (Maloja Palace di Sankt Moritz). Operazione che ha dato un'ulteriore spinta alla crescita della società.

«Al di là di Chamonix e New York, vogliamo rafforzare ulteriormente la nostra presenza in Italia. Accanto agli attuali nove centri termali e ai tre wellness hotel, infatti, stiamo definendo proprio in questi giorni una nuova sede a Treviso che, se tutto andrà bene, verrà aperta prima di New York. Poi stiamo approfondendo le fattibilità di progetti in altre località come Salsomaggiore, Montecatini, Portofino... Ci aspettiamo molto anche da San Pellegrino che, aperta solo tre anni fa, registra oltre 150 mila presenze: la proprietà, infatti, sta progettando un ampliamento della parte ricettiva e pure del Casinò, cosa che potrebbe portare benefici anche al nostro centro termale».

Il Gruppo QC Terme negli ultimi anni è cresciuto molto anche a livello occupazione, avendo raggiunto quota 700 persone, compresi quasi 180 massaggiatori, ed è sempre alla ricerca di nuove figure professionali.

«In questo momento abbiamo bisogno di 40 nuovi collaboratori per avviare la nuova struttura di Chamonix. Cerchiamo receptionist, personale per la segreteria organizzativa, front office, assistenti di direzione, controller, ingegneri gestionali, persone in grado di gestire le risorse umane, direttori di struttura, personale di sala, camerieri, personale per la pulizie, massaggiatori ed estetiste. I candidati per Chamonix - dove in questo momento sono maggiormente concentrate le richieste di nuove assunzioni - ovviamente devono saper parlare bene il francese».

Le persone interessate a una di queste proposte di lavoro possono inviare il curriculum tramite posta alla nostra società editoriale Dmedia Group via Campi 29/L 23087 a Merate (Lecco) - indicando il riferimento QC - oppure via mail all'indirizzo curriculum@netweek.it - sempre indicando il riferimento QC. I curriculum verranno poi raccolti e consegnati ai responsabili Recruitment di QC Terme.

Leggi tutte le notizie su "IN EUROPA"
Edizione digitale

Autore:gcf

Pubblicato il: 09 Aprile 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.