(IN) Netweek

MILANO

Il Governo promuove la riforma lombarda sul mercato del lavoro

Share

Il Consiglio dei ministri ha promosso la norma regionale di riforma del mercato del lavoro in Lombardia, infatti il Governo ha deciso di non procedere all’impugnazione della legge regionale 9 del 2018.

«Tale legge, approvata lo scorso 4 luglio - ha spiegato l’assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro Melania Rizzoli, commentando con soddisfazione la scelta di Roma - ha modificato la precedente norma riguardante il mercato del lavoro in Lombardia, salvaguardando il principio irrinunciabile di sussidiarietà verticale, che contraddistingue il modello regionale di organizzazione del settore. Rimane, quindi, in capo alla Città Metropolitana e alle Province l'esercizio delle funzioni gestionali relative ai procedimenti amministrativi connessi alla gestione operativa dei Centri pubblici per l’impiego, assegnando alla Regione una funzione di regia e di indirizzo del sistema». «Avendo ottenuto l’approvazione definitiva del quadro regolativo - conclude l’assessore Rizzoli - l’impegno dell’Amministrazione regionale sarà finalizzato a garantire l’attuazione dei contenuti previsti dalla legge regionale 9/2018, partendo dal potenziamento dei Cpi e dal rafforzamento delle competenze professionali del personale impiegato. A queste nostre azioni, inoltre, affiancheremo un capillare monitoraggio dei loro esiti, proprio per evitare che preoccupazioni dei tecnici, seppur legittime, si trasformino in polemiche politiche».

Leggi tutte le notizie su "IN EUROPA"
Edizione digitale

Autore:gmc

Pubblicato il: 10 Settembre 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.