(IN) Netweek

MILANO

Le Bcc lombarde chiedono al Governo di agevolare il percorso della riforma

Share

Attesa e impegno, queste le sensazioni respirate all’atteso e partecipato Convegno Studi della Federazione Lombarda delle Banche di Credito Cooperativo, tenutosi sabato 17 novembre a Bergamo.

In quasi quattrocento, tra esponenti del movimento e ospiti, si sono confrontati sul titolo del convegno “La strada comune delle Bcc lombarde”, approfondendo le implicazioni legate all’avvio dei Gruppi Bancari Cooperativi, con uno sguardo alle incertezze dettate dalle posizioni ondivaghe del Governo e gli interrogativi legati al mutamento epocale di tutto il sistema del credito cooperativo. E’ emerso un forte richiamo all'unità delle Bcc, oltre l’auspicio che il Governo s’impegni per agevolare il percorso della riforma più che metterla in dubbio.

Il giudizio complessivo sul momento e sulle questioni da affrontare emerge chiaramente dalle parole di Alessandro Azzi, già presidente nazionale Federcasse e guida della Federazione Lombarda Bcc, che in questa fase di passaggio sottolinea come sia importante procedere sulla via intrapresa, che «noi chiamiamo autoriforma, in quanto media tra i regolatori delle Bcc e le nostre richieste di mantenere le differenze nei servizi ai territori e la licenza bancaria anche aderendo a un Gruppo solo, senza omologarci e senza rinunciare all'autonomia». In tale prospettiva, Azzi rivendica un ruolo “importante” anche per la Federazione, fondamentale per «supportare l'identità delle banche territoriali e garantire la trasmissione dei valori alle giovani generazioni. La sfida è lavorare insieme perché le Capogruppo rispettino le identità delle Bcc e sostengano lo scambio mutualistico nelle comunità».

Leggi tutte le notizie su "IN EUROPA"
Edizione digitale

Autore:ces

Pubblicato il: 26 Novembre 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.