(IN) Netweek

MILANO

Con “Dopo di noi” la Regione pensa alle persone fragili sole ilgovernatorerisponde@netweek.it

Share

Caro presidente, il tema degli anziani e delle persone portatrici di disabilità è sempre molto caro a tutti e devo dire che con l’iniziativa “Dopo di noi” la Regione ha fatto un bel passo avanti: superando anche lo Stato centrale. Spero che questa politica verso i meno fortunati prosegua in futuro: ne abbiamo tutti bisogno.

Carla - Civate

Gentilissima Carla, il “Dopo di noi” è un'iniziativa che avevo avviato io da ministro del Lavoro e delle Politiche sociali. Allora non venne portato avanti dalle Regioni, mentre ora in Lombardia trova piena attuazione. Siamo la prima Regione a farlo. Oggi la Lombardia è in testa anche nell'attenzione e negli interventi concreti in campo sociale. Come sa abbiamo infatti messo a disposizione oltre 30 milioni per l'assistenza di persone con disabilità grave prive di sostegno familiare. E’ oramai noto come l'aspettativa di vita delle persone con disabilità si è, fortunatamente, molto allungata. Siccome quasi sempre queste persone vivono in famiglia, noi ci vogliamo assicurare che ricevano la giusta assistenza anche quando i genitori non dovessero più esserci. Di questa iniziativa ne possono usufruire persone con disabilità grave - ovvero accertate con disabilità grave ai sensi dell’art.3, comma 3, Legge 104/1992; prive del sostegno familiare; con età 18/64 anni - desumibile da criteri di assegnazione delle risorse. Sono previsti interventi di supporto alla domiciliarità in soluzioni alloggiative; programmi per la gestione della vita quotidiana e il raggiungimento di un maggior livello di autonomia possibile; nonché interventi di realizzazione di innovative soluzioni alloggiative con possibile pagamento dell’acquisto, della locazione, della ristrutturazione e messa in opera degli impianti e delle attrezzature sostenendo, anche, forme di mutuo aiuto tra persone disabili, con riutilizzo di patrimoni (immobiliari) resi disponibili dai famigliari o da reti associative di famigliari di persone con disabilità grave in loro favore. Mi sembra che Regione si sia spesa e si spenda in maniera determinante per le persone più fragili che hanno bisogno di tutta l’attenzione della nostra istituzione di Regione Lombardia.

Leggi tutte le notizie su "IN EUROPA"
Edizione digitale

Autore:ces

Pubblicato il: 03 Luglio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.