Pressione della caldaia: come si controlla e come si regola

Uno dei controlli che un valido tecnico della manutenzione e assistenza caldaie a Roma esegue sempre quando è chiamato per la revisione annuale non solo è quello che riguarda la pressione dell’acqua. Vediamo qual è il valore giusto e come fare ad aggiustarlo.

Come controllare la pressione della caldaia

Per verificare il valore della pressione, nelle vecchie caldaie dovrebbe esserci un indicatore con la lancetta nella parte frontale. Nell caldaie di ultime generazione è facile che tutti i valori siano messi sul display. È sufficiente premere più volte il bottone fino a quando appare il valore della pressione, seguito sempre dall’unità dio misura Bar. Perché la pressione sia a un livello coretto dovrebbe esser inclusa tra uno e due bar.

Cosa fare quando è alta

Quando la pressione della caldaia è troppo alta, il tecnico della manutenzione e assistenza caldaie a Roma può rilevare alcuni guasti. Capita che a caldaia perda un po’ di acqua e che le guarnizioni si spostino e si debbano perciò cambiare. Un’eccessiva pressione della caldaia mette sotto sformo alcuni componenti che dovranno esser sostatiti. I pezzi di ricambio utilizzati sono sempre e solo originali perché hanno un livello qualitativo ottimo e non compromettono il regolare funzionamento della caldaia. A lungo andare, una situazione di questo tipo rovina il sistema. per ridurre la pressione, il tecnico apre al valvola e fa uscire un po’ di acqua.

Cosa fare quando è bassa

Quando il tecnico della manutenzione e assistenza caldaie a Roma rileva una pressione troppo bassa significa che possono esserci diversi problemi e disagi già evidenti. Può capitare che dal rubinetto non esca acqua calda oppure che i caloriferi non si riscaldino. Per aumentare la pressione il caldaista può eseguire diverse operazioni. Anzitutto, si possono sfiatare i termosifoni per eliminare eventuali bolle d’aria e vapore presenti nel circuito. In secondo luogo, il caldaista può aumentare la pressione introducendo nuova acqua nel sistema tramite l’apposita valvola posta sul fondo della caldaia stessa.